Alghero e la costa del corallo

Itinerario 1

Alghero è una bellissima cittadina affacciata sul mare, a forte vocazione turistica. La sua principale caratteristica è la cultura catalana che contraddistingue i cittadini, tanto che il dialetto parlato è di origine iberica. Diverse le bellezze da ammirare, a partire dai resti delle mura medievali.

Nel centro storico si trovano il Duomo di Santa Maria, la chiesa della Misericordia e soprattutto la chiesa di San Francesco, considerato il monumento più importante in città.

Obbligatoria poi una passeggiata ai Bastioni seicenteschi, da cui si può godere di una vista che arriva all’estremità di Capo Caccia. Vi si arriva uscendo dalla città in direzione Porto Conte (insenatura che ospita un bellissimo parco naturale) e andando oltre il Nuraghe Palmavera, una struttura a doppia torre con annesso villaggio nuragico.

Capo Caccia è un suggestivo promontorio calcareo con rocce che da oltre 300 metri cadono a picco sul mare; tutto l’areale è ricoperto di macchia mediterranea, un ambiente ideale per la riproduzione faunistica di falchi, grifoni e gabbiani.

Chi volesse può percorrere l’escala cabirol, una struttura di 656 gradini che dalla sommità del promontorio scende vertiginosamente verso le bellissime grotte di Nettuno, raggiungibili se no solo via mare.

A Sud di Alghero troviamo la costa di Villanova Monteleone, lungo la bellissima litoranea per bosa. Il nome le è dato da un paesino dell’interno, montano, che offre un bellissimo panorama su tutto il Logudoro. Qui possiamo ammirare le chiese di San leonardo, Santa Croce, la Madonna del Rosario e, lungo la strada per Padria, la chiesa della Madonna di Interrìos. Si arriva a Villanova tramite la Scala Piccada, una strada che si inerpica attraverso pascoli e rocce, boschi e rovereti. A metà strada, all’altezza della cantoniera omonima, si può ammirare la meravigliosa riviera del corallo, delimitata a Nord da Capo Caccia, mentre a Sud dall’estremità di Capo Marargiu.

271-alghero049-1.jpg
16-isola_foradada_e_scoglio_del_diavolo.jpg