Logudoro e Mejlogu

Itinerario 3

Il Logudoro-Mejlogu è una subregione posizionata a Sud di Sassari, importante per l’archeologia, ma anche per un’economia legata alla pastorizia e alla produzione agricola.

Da vedere assolutamente il nuraghe Santu Antine, uno dei più importanti della Sardegna: è composto da una torre centrale alta 16 metri, circondata da un bastione con camminamenti di ronda e corridoi che guardano verso il cortile dove si trova il pozzo. Il nuraghe è circondato da un’area chiamata Valle dei nuraghi, dove troviamo altre torri nuragiche. A Torralba, piccolo paesino logudorese si può visitare il museo dedicato ai reperti nuragici. A pochi kilometri c’è Thiesi, paese più grande è rinomato per le produzioni lattiero casearie.

Immancabile inoltre la visita alla Basilica di San Pietro di Sorres a Borutta, monumento romanico del XII secolo: particolare il decoro della facciata con colori chiari e scuri che si alternano, rispettivamente frutto di pietra vulcanica e calcarea.

Andando verso la statale 131 troviamo bonnanaro, paese importante per la produzione di ciliegie, mentre più a Sud, a Bonorva, merita una visita alla necropoli di San Andria Priu. Infine a Padria, sempre a Sud del comprensorio logudorese, si può visitare santa giulia, chiesa gotica che risale al 1520.